MANIFESTAZIONI NEGLI ALTRI CIRCOLI SARDI




LE FIABE SARDE A SORENGO

NARRATE DAL GRUPPO INTRECCIAFOLE

MERCOLEDI' 14 DICEMBRE 2016

 

Il Circolo partecipa alla serata dedicata alle Fiabe Sarde organizzate con il gruppo Intrecciafole, per far conoscere attraverso le fiabe e leggende sarde, la musica e un saporito rinfresco, la tradizione sarda.

Dopo un'introduzione sulle fiabe in Sardegna, il gruppo Intrecciafole narrerà e leggerà alcune fiabe sarde, intervallate da musica tipica sarda. La serata si concluderà con un ricco rinfresco per tutti i presenti. 

 

 

 LA SOCIETÀ SVIZZERA DELLE FIABE

Sezione della Svizzera italiana

IL CIRCOLO CULTURALE SARDO

SA BERRITTA

e

LA BIBLIOTECA COMUNALE DI SORENGO (LUGANO)

con il sostegno del Dicastero Cultura

del Comune di Sorengo

invitano alla serata sul tema

LE FIABE SARDE

Ingresso: libero. Rinfresco sardo.

Luogo: SALA CICCentro Incontro Cortivallo, Via al Laghetto 5 a Sorengo, LUGANO

Ora : 20:30

Scarica qui il flyer con tutte le informazioni per raggiungerci!

A ZURIGO: CONCERTO DI NATALE

Sabato 17 Dicembre 2016

INVITO    LUIGI LAI

 

Tradizionale Concerto di Natale con Musiche barocche di maestri italiani e Musica popolare sarda.
Eccezionale partecipazione del maestro Luigi Lai alle Launeddas.

 

"Un viaggio musicale dal medioevo al ‘700 alla musica popolare sarda"

 

A partire dalle ore 17:00.

Sala PIRANDELLO nella CASA D’ITALIA DI ZURIGO
Erismannstrasse 6 – 8004 Zurigo

Ingresso libero.

LA CHIUSURA DELLA MOSTRA A ZURIGO “SARDEGNA, L’ISOLA DELLE TORRI”

di Domenico Scala, Tottus.In.Pari

 

Si è conclusa , il 25 settembre 2016, la mostra dal titolo “Sardegna. L’isola delle torri ” aperta il 15 aprile 2016 presso le sale della prestigiosa Università di Zurigo. Una iniziativa che – possiamo dirlo – non ha precedenti: per ben cinque mesi sono stati esposti oltre ottocento reperti archeologici che raccontano la storia, la cultura, il carattere della Sardegna. Una vetrina di eccezionale valore grazie anzitutto alla competenza e alla sensibilità mostrata dai curatori dell’esposizione, i quali hanno saputo trasformare la mostra in un evento di grande richiamo.

L’interesse suscitato è ampiamente dimostrato dal gran numero di articoli, annunci e richiami apparsi sulla stampa quotidiana e periodica (comprese le testate rivolte al pubblico femminile) dell’Europa tutta. Il pubblico ha colto l’importanza dell’iniziativa ed è accorso numeroso ad ammirare statuette, vasi, armi, arnesi ecc. che i musei della Sardegna avevano fornito ai curatori di Zurigo. Un altro aspetto che merita rimarcare è la inusuale durata della mostra stessa: ben cinque mesi offerti alla nostra Isola per poter far meglio conoscere i segni e i simboli della sua storia plurimillenaria. Osiamo credere che questa straordinaria cassa di risonanza abbia influito non poco a determinare l’incremento del turismo elvetico nella nostra Isola. Ma è anche chiaro che la presenza dei sardi in Svizzera, con le loro numerose iniziative culturali, tiene costantemente acceso il faro dell’interesse sulla Sardegna. Da ciò nasce una collaborazione intensa e fattiva con le autorità elvetiche, collaborazione che si è prodotta anche lo scorso tre settembre quando le sale della mostra archeologica si sono animate dei suoni ancestrali delle launeddas e dei profumi della tradizione enogastronomica sarda.

Una serata emozionante che ha richiamato un pubblico assai numeroso e che ha costituito l’eccezionale sigillo d’un evento decisamente memorabile. La straordinaria riuscita della manifestazione è stata resa possibile dalla presenza della federazione dei Circoli Sardi in Svizzera e dal contributo del circolo dei sardi di Zurigo, unitamente all’iniziativa dell’Ufficio eventi della Città che ha inserito “Sardegna. L’isola delle torri” nel circuito dei musei e delle iniziative in corso a Zurigo. Sia consentito, infine, esprimere un moto di legittima soddisfazione per la piena riuscita d’una manifestazione che ha fornito un robusto contributo alla conoscenza della Sardegna.

Articolo su Tottus In Pari

TOP